Francesco Garofalo e l’Eco Sound Fest ai piedi dei Pirenei

Attraversato il Tirreno via nave, Francesco Garofalo ha già percorso una piccola parte della Catalogna e della Costa Brava. Ora è ai piedi dei Pirenei, pronto a scalarli in sella alla sua bici.

Sono partiti, Francesco Garofalo e l’Eco Sound Fest, alla volta della Spagna.

Giovedì 28, prima dell’alba, Francesco Garofalo e l’Eco Sound Fest sono partiti in bicicletta per un viaggio a basso impatto ambientale.

Mentre è al porto di Civitavecchia, pronto a imbarcarsi con la sua bici sulla quale sta montando il contachilometri, a Francesco parte una videochiamata e così – a sorpresa – ce lo ritroviamo sul telefono che fa: “Oh ragà, che m’avete chiamato?”.

Ora è dall’altro lato del Mediterraneo, con 232 km alle spalle, pronto a risalire la penisola iberica verso i Pirenei e pronto, naturalmente, a raccontarci come va la lunga pedalata con l’adesivo dell’Eco Sound Fest in bella vista sulla sua bici.

La bicicletta di Francesco Garofalo con l'adesivo dell'Eco Sound Fest in bella vista, ferma al porto di Civitavecchia prima della partenza.
La bicicletta di Francesco Garofalo con l’adesivo dell’Eco Sound Fest al porto di Civitavecchia

Ci scrive da Cerbère, il primo paesino francese ai piedi dei Pirenei e ci racconta i suoi primi giorni di viaggio.

“La nave doveva partire da Civitavecchia mercoledì 27 alle 23 e invece è partita alle 2,30 a causa del mare grosso. Per questo motivo mi è stata offerta una cabina privata. Non tutti hanno avuto questa fortuna: ho conosciuto una ragazza di Viterbo che non aveva ricevuto lo stesso trattamento. Piacere, mi chiamo Francesco Garofalo. E così facciamo amicizia! Nel pomeriggio le ho lasciato la chiave della mia cabina per permetterle di rilassarsi un po’ (ma senza me, purtroppo). Finalmente, alle 21 sbarchiamo a Barcellona e mi dirigo subito verso l’ostello pedalando sulla Rambla. Mangio qualcosa ed esco per una passeggiata in direzione della Sagrada Familia.

La mattina seguente lascio l’ostello e vado a Park Guell, dove resetto il contachilometri e parto verso il confine francese seguendo la costa. Barcellona non è una città propriamente a misura di ciclista. Ci sono molte piste ciclabili, questo è vero, ma scorrono parallele al traffico motorizzato e di conseguenza bisogna rispettare i semafori e soprattutto stare con gli occhi ben aperti. Impiego un’ora abbondante per uscire dalla città. Una vera fatica!

La costa fino a Lloret de Mar è piatta e monotona. A Nord di Lloret si entra nella regione della Costa Brava e l’altimetria si vivacizza in saliscendi che costeggiano il mare fino a Sant Feliu de Guixols. Mi fermo qui in campeggio, dopo aver percorso 120 km da Barcellona. Una bella pedalata, interrotta da un piacevole imprevisto: mi sono fermato a soccorrere tre donzelle che avevano bucato. Stavano svitando i dadi al contrario e non riuscivano a togliere la gomma bucata.

Francesco Garofalo e l'Eco Sound Fest a Colera, penultimo paese spagnolo prima di entrare in territorio francese.
Francesco Garofalo e l’Eco Sound Fest a Colera

La mattina del 30 sono invitato a colazione da una famiglia di Como che è rimasta colpita dalla mia bici. Le parlo degli obiettivi del mio viaggio e della mission dell’Eco Sound Fest attirando la sua attenzione e guadagnando la sua simpatia. Dopo questo momento di condivisione, mi rimetto in sella alla mia bici. Arrivo a Roses verso le 14,30. Siamo sulla costa, ma da qui il mare non si vede perché dista comunque un paio di km. Dopo Roses inizia un saliscendi mozzafiato fino a Colera, penultimo paese spagnolo prima di entrare in territorio francese. Varco il confine senza difficoltà e arrivo a Cerbère (un nome significativo) dopo 112 km di pedalata giornaliera.

È ormai sera e mi metto alla ricerca di un campeggio. Ne trovo uno e scopro che… è senza reception! Così, parlando con uno strano personaggio che, mi dice, sta bevendo dalla mattina, scopro che il campeggio è autogestito dai cittadini ed è completamente gratuito. Sono stato fortunato, come spesso succede quando ti spingi verso posti non turistici ma che non hanno nulla da invidiare a luoghi più gettonati. Qui non c’è “la ressa che ti stressa”!

Stanotte mi riposo con una bella dormita e da domani si parte ufficialmente per i Pirenei. Mi trovo infatti ai loro piedi: sto per lasciare il Mediterraneo, pronto ad attraversare le montagne in direzione dell’Atlantico”.

Il logo dell'Eco Sound Fest fa il giro dell'Europa insieme a Francesco Garofalo
Il logo dell’Eco Sound Fest fa il giro dell’Europa

La rubrica “L’Eco Sound Fest viaggia in bici con Francesco Garofalo” continua lunedì prossimo su questo sito. Continuate a seguirci per restare aggiornati sul viaggio di Francesco e sulle sue avventure sui Pirenei!

Close

Meta

Archivi

Commenti recenti